/ Curiosità

Che tempo fa

Cerca nel web

Curiosità | 07 settembre 2019, 08:09

Alba ospite della “sorella” Parma alla Cena dei Mille 2019: il sindaco Bo pensa ad una grande festa per i 6 anni di "marchio" Unesco

Parma ha celebrato il riconoscimento Unesco di città creativa della Gastronomia e il titolo di capitale della cultura italiana per il 2020

Il sindaco di Alba Carlo Bo assieme al sindaco di Parma Federico Pizzarotti e all’assessore al Turismo di Parma Cristiano Casa

Il sindaco di Alba Carlo Bo assieme al sindaco di Parma Federico Pizzarotti e all’assessore al Turismo di Parma Cristiano Casa

Martedì 3 settembre Parma ha organizzato la Cena dei mille 2019, allestendo una tavolata lunga 500 metri nel cuore cittadino, per celebrare il riconoscimento Unesco di città creativa della Gastronomia e il titolo di capitale della cultura italiana per il 2020.

Alba, unica altra città italiana insignita del prestigioso riconoscimento Unesco di città creativa della Gastronomia, ha partecipato ai festeggiamenti con una delegazione ufficiale.

Il Sindaco Carlo Bo esprime tutto il suo entusiasmo: “Mi congratulo con il sindaco di Parma Federico Pizzarotti e con l’sssessore al Turismo Cristiano Casa per aver organizzato un evento davvero speciale, che ha portato la magia dell’alta cucina in una cornice architettonica di grande prestigio. Continuiamo con entusiasmo la collaborazione tra Alba e Parma e credo che questa unione consentirà di far conoscere le nostre eccellenze a un numero sempre crescente di turisti”.

La cena ha messo in luce le specialità gastronomiche della regione Emilia-Romagna - con piatti della cucina parmense, piacentina e reggiana - e ha visto il gran finale con un dolce dello chef altoatesino Norbert Niederkofler che proprio a Parma due anni fa ha conquistato la terza stella Michelin. I biglietti per l’evento sono letteralmente andati a ruba in pochi giorni e parte del ricavato sarà destinato in beneficenza.

“E’ stato davvero forte l’impatto emotivo di una tavolata di 1000 persone lungo la centrale Via Emilia – prosegue il sindaco Bo – e mi ha convinto che sarebbe il modo migliore per festeggiare i 6 anni di iscrizione dei Paesaggi vitivinicoli al Patrimonio dell’umanità Unesco a fine giugno 2020. Federico e Cristiano esprimono una gioia contagiosa che mi ha spronato a pensare in grande; abbiamo 10 mesi per organizzare un evento di forte richiamo e abbiamo la fortuna che il palcoscenico è già pronto: la nostra bellissima città medievale.” 

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium