/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | 19 agosto 2019, 10:47

“Quota 100”: per 10 nuovi pensionati solo 3 giovani assunti

Se il provvedimento torna a vantaggio degli “anziani” a pagare sono ancora una volta i giovani, nei confronti dei quali la politica continua a mostrare disinteresse. Sferzante il giudizio di Chiara Gribaudo, già responsabile nazionale delle Politiche del Lavoro e del Welfare del Pd: “Un disastro per il mondo del lavoro, un disastro generazionale!”

“Quota 100”: per 10 nuovi pensionati solo 3 giovani assunti

Entro la fine del mese di agosto saranno circa 11mila i dipendenti pubblici che, avendo fatto ricorso a Quota 100, sommando età e anni di contribuzione potranno andare in pensione.

Gli assegni già liquidati grazie a Quota 100 – secondo fonti Inps – sono circa 9 mila cui stanno per aggiungersene altri 2 mila circa in queste ultime settimane. Ma per dieci lavoratori che usciranno, se tutto va bene, ne entreranno appena tre. E’ questo, ad oggi, il bilancio del turnover tra vecchi e nuovi lavoratori, tra chi cioè va in pensione e chi verrà assunto al suo posto.

Il leader della Lega, Matteo Salvini ha ricordato in diverse occasioni ed è tornato a farlo anche in questi giorni di agosto - che Quota 100 resta uno dei cavalli di battaglia del suo partito. Resta il fatto che l’incombente crisi di governo pone interrogativi su questo tema, così come su quello del reddito di cittadinanza che, anche qui, in termini di nuova occupazione finora ha prodotto ben poco.

Sferzante, in proposito, il giudizio di Chiara Gribaudo, deputata cuneese componente della direzione nazionale del Pd e già responsabile nazionale delle Politiche del Lavoro e del Welfare quando segretario del partito era Matteo Renzi. “Salvini – afferma - ha venduto per mesi Quota 100 come il suo grande successo accompagnandolo con slogan tipo "per ogni pensionato le imprese assumeranno tre giovani". Insieme a lui pure il ministro del Lavoro Luigi Di Maio rincarava la dose di propaganda: "Parte il ricambio generazionale!".

"Purtroppo – argomenta l’esponente Dem - i numeri hanno la testa dura e parlano chiaro: verranno assunti 3 giovani, ma al posto di 10 lavoratori che vanno in pensione! Un disastro per il mondo del lavoro, un disastro generazionale. Miliardi – conclude - spesi per la propaganda del governo, un'ipoteca sul futuro delle giovani generazioni”.

GpT

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium