/ Attualità

Attualità | 13 agosto 2019, 16:34

Flavio Briatore e Daniela Santanchè si arruolano per il nuovo corso sovranista-populista

I due Vip cuneesi, protagonisti come ogni anno del gossip estivo, disposti a scendere nella mischia politica con ruoli di rilievo. Briatore “prenota” un dicastero economico e “La Pitonessa” dalla console del “Twiga” sfida Salvini

Foto Targatocn

Foto Targatocn

Ai tempi del “Maggio francese” uno degli slogan più in voga era “La fantaisie au pouvoir”. Oggi, ai tempi del sovranismo e del populismo, non difettano i fantasisti creativi. Ma sono di tutt’altro tenore.

Cuneo – a dispetto di chi la vuole grigia e bigotta – offre il suo contributo con protagonisti di prima fila nel mondo del gossip politico-mondano che caratterizza questa singolare vigilia di Ferragosto, segnata da una crisi politico-istituzionale che ha del surreale e i cui esiti sono quanto mai incerti.

“Se Salvini mi chiama, io mi metto in gioco in prima persona. So di poter contare su tanti professionisti e imprenditori che condividono le mie idee e vogliono far parte del Movimento del Fare. Insieme, uniti, senza alcun interesse personale e tutti con un unico obiettivo: Salvare l'Italia, ci metteremo a disposizione e al lavoro per amore del nostro Paese. E lo faremo completamente gratis”. Flavio Briatore, ormai libero da impegni nella Formula Uno, smessi (almeno un po’) i panni del play boy per l’impietosa legge dell’anagrafe, si mette a disposizione del nuovo corso sovranista annunciando la costituzione non di un partito vero e proprio, ma di un movimento che ha chiamato “del Fare”.

“In questo momento così critico e confuso per il Paese Italia, ormai alla deriva – annuncia con un post -, mi faccio avanti con una proposta forte e concreta: il Movimento del Fare. Totalmente indipendente da qualsiasi partito o corrente politica attuali, il mio Movimento nasce per essere al completo servizio dei cittadini. Sarà formato da persone e personalità che metteranno la loro esperienza e le loro competenze a disposizione degli Italiani: imprenditori e professionisti di successo che insieme, con le loro idee e la loro visione, aiuteranno a far ripartire il Paese, creando lavoro e attirando gli investimenti: drastica riduzione del cuneo fiscale, cantieri aperti, riforma della giustizia, abolizione del reddito di cittadinanza, lavoro ai giovani e Turismo come eccellenza del Paese, sono le assolute priorità. Ma c'è tanto altro ancora – annuncia quello che a Cuneo era soprannominato “L Tribula” - nel nostro programma”.

E da uno dei locali di Briatore, il “Twiga”, gli fa eco Daniela Garnero Santanchè, che, cuffia e coroncine di fiori in testa, si trasforma in dj e lancia il guanto di sfida a Matteo Salvini: “Twiga!!!! – urla al microfono la senatrice di Fratelli d’Italia -. Altro che Papeete!!!”, con allusione alla spiaggia di Milano Marittima dove il leader della Lega e vicepremier è stato protagonista nei giorni scorsi di un evento politico-mondano che ha catturato l’attenzione dei media, prima di comunicare l’avviso di sfratto al Presidente del Consiglio.

Anche “La Pitonessa”, ben posizionata nel partito di Giorgia Meloni e di ormai consolidata militanza nelle varie destre susseguitesi negli anni, potrebbe ambire ad un posto in un ipotetico governo Salvini. Due dicasteri nel nuovo esecutivo, dunque, sono già prenotati da Cuneo.

Briatore ha detto che lo fa gratis (non fosse che vuole abolire il reddito di cittadinanza potrebbe risultare gradito addirittura ai 5 Stelle), mentre la Santanchè su questo aspetto non si è sbilanciata. Ancora non si sa se e quando si voterà e meno che mai quale governo scaturirà da eventuali elezioni anticipate. In ogni caso, la Granda – dopo queste disponibilità - non corre più il rischio, come era successo con l’esecutivo giallo-verde, di passare inosservata.

GpT

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium