/ Agricoltura

Che tempo fa

Cerca nel web

Agricoltura | 05 agosto 2019, 14:45

Prezzi della frutta, vince la linea di Coldiretti: al via un nuovo sistema di rilevazione

La Camera di Commercio di Cuneo ha accolto la richiesta Coldiretti di istituire due Commissioni specifiche per i prezzi della frutta fresca e delle nocciole

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Finalmente un sistema trasparente di rilevazione dei prezzi della frutta fresca e delle nocciole. Su proposta di Coldiretti, in linea con Unioncamere, la Camera di Commercio di Cuneo ha deliberato l’istituzione di due Commissioni per rilevare le quotazioni nel settore frutticolo sulla piazza di Cuneo.

Se finora è stato l’Ufficio Studi e Statistica camerale a rilevare i prezzi di frutta fresca e nocciole, saranno ora la parte venditrice e quella acquirente ad individuarli sulla base di documentazione probante all’interno delle due Commissioni.

Il sistema, già in uso per cereali e bovini, dovrà favorire la tanto attesa trasparenza e combattere i pesanti squilibri nella distribuzione del valore della frutta lungo la filiera a danno degli agricoltori.

I compensi riconosciuti ai frutticoltori cuneesi sono del tutto insoddisfacenti, con prezzi che moltiplicano dal campo alla tavola. Per le pesche, ad esempio, guardando alle ultime cinque annate, le quotazioni riconosciute agli agricoltori hanno coperto soltanto nel 2018 i costi di produzione - da 0,40 a 0,46 €/Kg (dati Agrion) - a fronte di prezzi finali di fatto invariati per i consumatori.

Dopo la disponibilità ottenuta dal Governatore Cirio per l’avvio dell’Osservatorio regionale sulla frutta, tra le dieci priorità Coldiretti per rilanciare la frutticoltura cuneese, arriva ora un altro importante risultato - commenta Roberto Moncalvo, Delegato Confederale di Coldiretti Cuneo -. Crediamo che la rilevazione dei prezzi fotograferà il reale andamento dei mercati in due  comparti, frutticolo e corilicolo, così importanti a livello provinciale, regionale e nazionale in termini di fatturato ed occupazionali. Il lavoro delle Commissioni traccerà il quadro di filiere che hanno bisogno di un profondo cambiamento”.

Dispiace purtroppo - rimarca Moncalvo - che su un’iniziativa così importante per riportare trasparenza nelle filiere, si sia registrata l’assenza di molte componenti della rappresentanza agricola. Ciò non ha però impedito di arrivare al risultato che abbiamo fortemente voluto”.

Entro il prossimo 23 agosto la Camera di Commercio riceverà i nomi dei componenti delle Commissioni, di parte agricola e di parte acquirente, in carica per i prossimi tre anni. L’obiettivo è rendere operative le Commissioni già da fine mese, almeno in tempo per l’inizio della campagna di raccolta delle nocciole.

Per la frutta fresca la Commissione si riunirà a Saluzzo ogni 15 giorni nel periodo estivo e una volta al mese nel periodo invernale. Per le nocciole, la Commissione si riunirà ad Alba una volta alla settimana da fine agosto a settembre e una volta al mese da ottobre in avanti.

comunicato stampa

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium