/ Scuola e corsi

Che tempo fa

Cerca nel web

Scuola e corsi | 08 luglio 2019, 18:16

Marta, ragazza di Narzole con la sindrome di Down, si diploma con 100 all'Istituto Guala di Bra

La sera festa in famiglia al fast food per ringraziare i fratelli che l'hanno aiutata nello studio: “Superare la prova orale è stato bello ed emozionante”. Ora la meritata vacanza al mare con gli amici del Centro Down di Cuneo

Marta con la sua famiglia: mamma Caterina, papà Stefano, i fratelli Veronica, Giovanni e la gemella Cecilia

Marta con la sua famiglia: mamma Caterina, papà Stefano, i fratelli Veronica, Giovanni e la gemella Cecilia

“Superare la prova orale è stato bello ed emozionante. Diplomarmi con 100 ancora di più”. Parole di Marta Botto, studentessa diciannovenne di Narzole con la sindrome di Down. Ha ottenuto il massimo dei voti alla maturità, dopo un bel percorso di 5 anni all'istituto Guala di Bra, 5^ T indirizzo turistico.

“Questo esame è stato un impegno di famiglia – racconta la mamma Caterina -. I fratelli Veronica, Giovanni e la gemella Cecilia l'hanno aiutata nello studio. Poi tutti abbiamo assistito alla prova orale. Non potevamo perderci questo momento. È stato commovente sentirla all'orale. Era spigliata e sicura. La sera, per festeggiare, Marta ci ha pagato cena al fast food”.

La prova non era quella ministeriale, ma un esame adatto al suo “Pei”, il percorso educativo individualizzato sviluppato in 5 anni grazie agli insegnanti di sostegno. Ha ottenuto un attestato di credito formativo, rilasciato ai sensi dell'articolo 20 del decreto legislativo 62/2017.

A ricordare il percorso quinquennnale di studi è mamma Caterina: “All'inizio ha fatto fatica, le scuole superiori sono un ambiente nuovo e diverso dalle medie. Poi si è ambientata stringendo un ottimo rapporto con compagni e insegnanti, in particolare con la prof. di sostegno Costantino. È stata sempre coinvolta nelle attività di classe. Siamo davvero contenti di questo percorso. Importanti anche le ore di alternanza scuola lavoro in tre differenti contesti professionali. E'importante che il mondo del lavoro si apra a questi ragazzi".

Soddisfatti anche i suoi insegnanti: “Marta ha fatto un bel percorso e un'ottima performance all'esame orale”.

Nell'ultima prova ha portato una tesina in power point dal titolo “Il potere delle leggi”, in cui ha raccontato anche delle sue esperienze di alternanza scuola/lavoro. Ma anche di leggi razziali, del quadro “Guernica” di Picasso e del libro di Liliana Segre “Fino a quando la mia stella brillerà”. Un ottimo lavoro con collegamenti tra tutte le materie.

Domenica Costantino, insegnante di sostegno che l'ha seguita negli ultimi tre anni ci tiene a sottolineare: “Se Marta ha raggiunto un risultato così importante, lo si deve alla grande collaborazione tra famiglia, scuola e insegnanti. Abbiamo fatto un percorso individuale differenziato, lavorando sulla sua attività mnemonica con schemi, mappe concettuali e riassunti. All'orale è stata davvero bravissima”.

Marta frequenta il Centro Down di Cuneo, club di Fossano, dove ha seguito il percorso di autonomia per adolescenti “Io posso”. Oltre ad aver raggiunto importanti risultati nell'attività scolastica, ha sempre fatto attività sportiva: aikidō, nuoto e ginnastica artistica.

Per lei ora le meritate vacanze al mare con gli amici del Centro Down di Cuneo.

cristina mazzariello

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium