/ Eventi

Eventi | 03 luglio 2019, 19:01

Suoni dalle Colline di Langhe e Roero: il Castello di Verduno e il concerto nel bosco aprono un mese di grande musica

Da venerdì 5 luglio al 4 di agosto si svolgerà il ricco programma di concerti per portare la musica classica di alto livello tra la gente e per promuovere le eccellenze paesaggistiche, artistiche, culturali ed enogastronomiche

Sole voci

Sole voci

«In viaggio tra il fascino dei luoghi e la magia della musica»: queste sono le parole che più spesso hanno accompagnato la manifestazione estiva, fatta di musiche ed emozioni intrecciate con la cultura del territorio, sommando il piacere dello spettacolo e della bellezza alla convivialità e all'ospitalità, con un palcoscenico naturale unico nel quale la musica ed il pubblico s'incontrano per abbracciare l'arte col pensiero e con l'emozione.  

Si apre venerdì 5 luglio a partire dalle 21 nella magnifica cornice del Castello di Verduno, l’edizione 2019 di “Suoni dalle Colline di Langhe & Roero” la rassegna di musica classica facente parte del più ampio progetto “Alba Music Festival”.

Un concerto dal titolo "Solevoci" che vuole essere un omaggio ad alcune delle voci più importanti della storia della musica, da John Lennon a Duke Ellington, e ai loro successi senza tempo,  grazie alla presenza sul palco degli Artisti del Coro del Teatro Regio di Torino.

Il secondo appuntamento, domenica 7 luglio, a partire dalle 12, prevede invece l'affascinante appuntamento all'interno del bosco di Monterotondo di Torresina, uno spettacolo scenografico ed emozionante, alla presenza dell'Orchestra Classica di Alessandria e dell'oboista Macedone Gordana Josifova Nedelkovska.

Un programma concertistico che vuole rendere omaggio al genio musicale italiano, svariando da Antonio Vivaldi e Domenico Cimarosa fino a Nino Rota ed Ennio Morricone.

Suoni dalle Colline di Langhe e Roero prosegue poi per un mese intero (fino al 4 agosto) dedicato alla musica classica di alto livello con concerti a cadenza quasi quotidiana alla presenza di artisti provenienti da ogni angolo del mondo.

A fare da palcoscenico ai concerti saranno alcuni dei luoghi più suggestivi e affascinanti delle Colline patrimonio Unesco di Langhe & Roero, piccoli gioielli spesso poco conosciuti anche dai piemontesi stessi: dalle piazze e i castelli dei piccoli borghi arrampicati sui tanti colli presenti sul territorio, con una vista mozzafiato, ai palazzi signorili e le ville, dalle chiese barocche fino alle cantine storiche dove si producono vini conosciuti in tutto il mondo e nel cuore dei boschi che si sviluppano nella zona.

L'obiettivo che si pone il Festival è quello di portare la musica classica di alto livello tra la gente, per farla conoscere in un modo più informale e leggero, e nello stesso tempo, promuovere le eccellenze paesaggistiche, artistiche, culturali ed enogastronomiche di questo incantevole angolo di Piemonte, che si presta benissimo a fare da palcoscenico naturale e architettonico.

I Suoni dalle Colline in dodici anni si è affermato come un grande progetto musicale, un valore aggiunto nella promozione del patrimonio culturale e del territorio. Precursore di tante e prestigiose manifestazioni, ha intuito sin dall’inizio che la musica classica – portatrice di valori assoluti, ricreata di volta in volta ad opera degli artisti e proposta in luoghi di straordinaria bellezza – produceva un risultato ben al di sopra della somma degli elementi.

La musica, più di ogni altra arte, nella sua capacità di comunicare al di là del linguaggio parlato, ha catalizzato un pubblico qualificato: una cerchia locale di appassionati, attenti e affezionati, ed un uditorio internazionale inebriato dalle bellezze dell’arte, dei luoghi e della convivialità. In oltre un decennio di attività abbiamo attraversato i borghi e le colline, trasformando in palcoscenici inconsueti le cantine storiche; abbiamo coinvolto i territori, i Comuni, le straordinarie attività produttive legate al vino, in un’intensa e gioiosa scorribanda musicale estiva.

L’iscrizione dei nostri territori a Patrimonio dell’umanità è stata un’ulteriore conferma di quanto uomini, arte e natura abbiano fatto insieme nel corso dei secoli.

La formula del Festival si sviluppa con concerti a cadenza quotidiana, accompagnando il pubblico in un itinerario alla scoperta dei luoghi e delle bellezze del territorio. Da un’anteprima al Castello di Grinzane, sito UNESCO, all'apertura negli splendidi giardini del Real Castello di Verduno, per proseguire con un evento nell’evento, il Concerto nel bosco nell’incantevole natura dell’Alta Langa del bosco di Torresina, e proseguire al Castello di Magliano Alfieri, quindi negli splendidi borghi di Bossolasco, Castiglione Falletto, Sinio e Verduno, al Teatro della Pietra di Bergolo, nei suggestivi insediamenti vinicoli della Tenuta Carretta di Piobesi, nelle cantine Terre del Barolo e Mauro Molino all'Annunziata di La Morra, e poi alla Confraternita di San Bernardino a Canale, al Santuario di Madonna dei boschi di Vezza d'Alba, dai borghi di Castiglione Tinella, Treiso, Santo Stefano Roero, Castagnole delle Lanze, San Bovo, fino ai luoghi più insoliti come il Mulino Marino di Cossano Belbo, e naturalmente, ad Alba.   

Tutti i concerti sono a ingresso libero In caso di maltempo è prevista una sede alternativa.

 

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium