/ Curiosità

Curiosità | 09 giugno 2019, 18:53

"L'Arte bianca" dei ragazzi di Neive conquista il podio in un concorso nazionale

Sono arrivati primi su 45 concorrenti provenienti da tutta Italia. Il tema era: "Facciamo 17 goal. Trasformare il nostro mondo: l'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile"

"L'Arte bianca" dei ragazzi di Neive conquista il podio in un concorso nazionale

Presso la sede del Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca, in viale Trastevere a Roma, si è svolta la premiazione del concorso nazionale "Facciamo 17 goal. Trasformare il nostro mondo: l'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile", giunto alla III edizione, rivolto alle Istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, statali e paritarie, con lo scopo di favorire la conoscenza, la diffusione e l’assunzione degli stili di vita previsti nell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

L’Agenda 2030 è il documento adottato dall’assemblea delle Nazioni Unite il 25 settembre del 2015 al fine di richiamare l’attenzione sui limiti dell’attuale modello di sviluppo umano e sociale e incoraggiare una visione delle diverse dimensioni di sviluppo integrata e sostenibile.

Il concorso intendeva promuovere, attraverso l’espressione di mezzi e di linguaggi differenti finalità come l’educazione allo sviluppo sostenibile e stili di vita rispettosi dell’ambiente, di tutte le popolazioni del mondo e delle generazioni future, i diritti umani, l’uguaglianza tra i popoli e le persone, una cultura di pace e di non violenza, la cittadinanza globale e la valorizzazione della diversità culturale, l’innovazione sostenibile e la lotta alla povertà. Gli studenti della classe V I della sede di Neive "Arte Bianca" dell'Istituto "Piera Cillario Ferrero" di Alba, Valentina Caraccia, Riccardo Pardi, Francesca Zappino, Robert George Frunza e Stefano Bombardieri, guidati dai prof. Mauro Becattini, Claudio Marengo e Alessandro Sampò si sono aggiudicati il primo premio, su oltre 145 elaborati presentati e provenienti da ogni regione d'Italia.

studenti hanno dato vita ad una videoricetta di un dolce a base di mela, utilizzando ogni elemento di questo frutto (finanche semi e picciolo), evitando quindi qualsiasi tipo di spreco, scarto e rifiuto. La giuria ministeriale ha deciso di premiare questo lavoro "per l'immediatezza comunicativa e per la capacità di saper rendere in concreto nella propria quotidianità e professione l'attuazione dell'Agenda 2030, evidenziando il ruolo che ciascuno può avere".

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium