Elezioni regionali

Elezioni comune di Alba

 / Eventi

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | 29 aprile 2019, 20:45

Tutti gli Atleti sono scesi a bordo piscina con la maglia ‘Pro Recco for Autism’

“Lo sport a sostegno della disabilità” un progetto iniziato ormai più di 12 mesi fa, che si sta espandendo velocemente per uscire dai confini liguri.

Tutti gli Atleti sono scesi a bordo piscina con la maglia ‘Pro Recco for Autism’

È una ProRecco perfetta quella che doppia 12 a 6 nella penultima partita di Champions League il Brescia.

Perfetta nel gioco e soprattutto nel sociale.

Tutti gli atleti sono scesi a bordo piscina con la maglia ‘Pro Recco for Autism’, nata dalla collaborazione della squadra con il Club Rotary San Giorgio nell’ambito del progetto di consapevolezza sull’autismo di cui si è parlato anche durante la telecronaca della partita in diretta su Sky Sport.

Sulle tribune più di 50 amici tra Rotary e Angsa a fare il tifo per i bianco celesti con la t-shirt bianca.

A bordo vasca, a fianco del medico sportivo della Pro Recco Giorgio Maietta Farnese, la campionessa - paraolimpica - di sci Silvia Di Stefano che da tempo appoggia Angsa ed il Rotary con la sua testimonianza.

La solidarietà, la partecipazione, l’amicizia e la condivisione sono questi i valori alla base del progetto di consapevolezza.

‘Lo sport a sostegno della disabilità’ un progetto iniziato ormai più di 12 mesi fa, che si sta espandendo velocemente per uscire dai confini liguri.

L’intero distretto Rotary 2032 ha deciso di unirsi al Rotary Club Genova San Giorgio per tendere la mano ai fantastici ragazzi di ANGSA. L’associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici.

Rotary e Pro Recco insieme per portare in giro per le piscine d’Europa il sostegno a queste famiglie. L’obiettivo è quello di non lasciarle sole e di aggregare sempre nuovi amici che possano donare tempo ed energia a questa importante causa, creando attività e spazi per loro.

Non si può vincere l’autismo ma possiamo stare assieme e provare a creare un mondo che sia pronto per prendersi cura dei loro figli che sono ormai i nostri ragazzi.

Non carità ma tempo, opere e cooperazione.

Il motto del Rotary è proprio questo: ‘Servire al di sopra di ogni interesse personale’

C.S.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium