Elezioni regionali

Elezioni comune di Alba

 / Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 21 marzo 2019, 15:15

Mondovì, litigio tra vicini di casa finisce a botte: un uomo condannato a sei mesi di carcere

L’episodio risale al 20 luglio scorso, i carabinieri lo avevano bloccato mentre teneva una padella e una pietra nelle mani

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

I tuoi bambini fanno rumore e non mi lasciano dormire”. Era iniziata con queste parole una lite fra condomini in caseggiato di Mondovì. Due fratelli di origine marocchina avevano insultato e poi aggredito un connazionale armati con un bastone, una padella e un coltello.

A.S. è stato condannato questa mattina dal tribunale di Cuneo a 6 mesi di reclusione con la sospensione condizionale per lesioni e minacce. Per gli stessi capi d’imputazione, oltre a resistenza a pubblico ufficiale, il fratello K.S. aveva invece ottenuto la messa alla prova.

In aula la vittima ha raccontato i fatti, risalenti al 20 luglio 2018. L’uomo insieme alla moglie e ai loro due bambini era stato fermato sulle scale di casa dai fratelli che lo avevano insultato e iniziato a picchiare. Poi si erano armati di padella e coltello e lo avevano seguito fino al garage condominiale, dove la parte offesa aveva cercato rifugio con uno dei figli.

K.S. era riuscito a tirare un fendente rivolto alla gola del vicino, per fortuna sfiorandolo soltanto, e lo aveva rincorso: “Mi ha tirato una pietra alla schiena, sono caduto, aveva intenzione di ammazzarmi”, ha ricordato la vittima, che davanti al giudice ha deciso di rimettere la querela.

Nel frattempo la moglie aveva chiamato i carabinieri che avevano trovato K. con un bastone in mano: “Era molto agitato. Mi ha dato due gomitate nelle costole e abbiamo dovuto ammanettarlo”, ha ricordato il brigadiere che aveva arrestato l’uomo. Il coltello non fu ritrovato.

A.S. invece era stato raggiunto poco lontano: “Era arrabbiatissimo, stava cercando il vicino con una pietra e una padella nelle mani”.

La difesa aveva chiesto l’assoluzione per l’imputato perché le testimonianze di marito e moglie sarebbero state contraddittorie fra di loro.

Monica Bruna

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium