/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | 17 marzo 2019, 13:15

Due donne avvocato per il centrodestra a Bra e Saluzzo

Annalisa Genta e Alessandra Piano, entrambe espressione della Lega, sfideranno rispettivamente Gianni Fogliato e Mauro Calderoni. Sanno che è un’impresa ardua ma dicono che ce la metteranno tutta

Da sinistra Piano, Gancia e Genta

Da sinistra Piano, Gancia e Genta

Sono alla loro prima esperienza amministrativa, ma si mostrano decise e determinate. Hanno ricevuto entrambe attestazioni di stima da parte di tutti gli esponenti del centrodestra, ma in particolare dalla capogruppo regionale della Lega, Gianna Gancia, la prima donna a ricoprire il ruolo di presidente della Provincia, prima di approdare ai banchi di Palazzo Lascaris.

Non possono essere definite militanti storiche, tuttavia si riconoscono nel partito di Matteo Salvini. Sia l’una che l’altra hanno davanti due imprese titaniche: riconquistare due municipi ritenuti roccaforti del centrosinistra.

Nella città della Zizzola, Bruna Sibille, dopo due mandati consecutivi, ha dovuto passare il testimone ad un suo assessore, Gianni Fogliato. Annalisa Genta è consapevole di quanto ardua sia la sfida. “Per me – ha detto nella conferenza stampa di ieri a Cuneo - si tratta di un’esperienza completamente nuova, ma sono entusiasta e al tempo stesso lusingata di potermi mettere a disposizione della mia città. Ringrazio i partiti e le forze civiche che mi accompagneranno in questo percorso. Oggi l’amministrazione pubblica è limitata dalla burocrazia che la paralizza, mentre abbiamo bisogno di affrontare senza troppi intoppi i problemi economici che affliggono la nostra comunità. Ci impegneremo al massimo per rendere Bra più sicura e maggiormente vivibile. Sappiamo che c’è molto da lavorare ma questo non ci spaventa”.

A Saluzzo, a sfidare il sindaco uscente Mauro Calderoni, sarà Alessandra Piano, avvocato penalista, componente dell’associazione femminile cittadina “Zonta”, anch’essa in quota Lega: “Sono lieta che sul mio nome si sia registrata una convergenza di tutti i partiti del centrodestra. Ritengo – ha detto - che ci sia molto da fare Saluzzo, città dove vivo e lavoro da 13 anni, una città che amo e che mi ama. In virtù della mia professione ho avuto l’opportunità di toccare con mano le tante problematiche cittadine: dalla recessione economica, al tracollo del terziario, con la perdita di servizi di prim’ordine quali il Tribunale e l’Ospedale. E poi – ha aggiunto – credo che occorra una riflessione sulla viabilità perché un eccesso di pedonalizzazione ha creato gravi problemi alle attività commerciali, già in difficoltà per la crisi economica”.

Piano non ha dimenticato di fare un cenno a quella che ha definito un’ “errata gestione dei migranti stagionali”. “Ho constato – ha ancora annotato - che nella storia amministrativa saluzzese non c’è mai stata una donna candidato sindaco. E’ la prima volta che Saluzzo ha quest’opportunità. E’ un fatto che mi inorgoglisce e al tempo stesso mi carica di responsabilità: farò di tutto per mettere a disposizione le mie competenze e le mie capacità“.

Da Gianna Gancia sono arrivate parole di incoraggiamento: “Quello che sta succedendo – ha affermato l’esponente regionale della Lega nel suo intervento durante la conferenza stampa di presentazione dei candidati sindaci – è il naturale approdo di un cammino iniziato dieci anni fa quando ho cominciato a coinvolgere giovani e donne all’impegno politico. Ora abbiamo due donne avvocato, di cui conosco storia e fatiche, donne che prestano la loro attività professionale con partita Iva, e che dunque sanno bene che cosa significhi vivere del proprio, con un lavoro autonomo”.

GpT

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium