Elezioni regionali

Elezioni comune di Alba

 / Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | 02 febbraio 2019, 15:19

Bra, focus dell’ASL CN2 sulla 5ª Giornata di prevenzione dello spreco alimentare

Appuntamento martedì 5 febbraio, presso la sede dell’Università del Gusto, dalle 16.30

Foto di Tino Gerbaldo

Foto di Tino Gerbaldo

Quanto cibo finisce nella spazzatura ogni anno? Troppo. Quello dello spreco alimentare è un fenomeno che si sta allargando a macchia d’olio, soprattutto nelle società ricche. Per puntare i riflettori su questo argomento, il 5 febbraio si celebra la 5ª Giornata di prevenzione dello spreco alimentare.

L’iniziativa, in Italia, è stata ideata e creata dal Ministero dell’Ambiente nel 2014, con l’obiettivo di ridurre sensibilmente lo sperpero di cibo buono, non scaduto che ogni anno raggiunge numeri da capogiro. La lotta allo spreco alimentare, tuttavia, è un dovere quotidiano. Non solo un problema di costi per il cittadino, ma anche di prospettive future per il pianeta, poiché per produrre cibo, vi è un consumo enorme di acqua, per cui insieme al cibo che gettiamo, se ne vanno nella spazzatura anche tanti metri cubi di questa preziosa risorsa. Serve, quindi, aumentare la consapevolezza verso una corretta gestione del cibo, del suo uso e della sua importanza. Per questo motivo, nel pomeriggio di martedì 5 febbraio, presso la sede dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, a partire dalle ore 16.30, si terrà un evento formativo, promosso dall’ASL CN2 Alba-Bra, per la presentazione del Progetto di marketing sociale “Attenti allo spreco!”.

All’incontro prenderanno parte Istituzioni ed Enti del territorio Langhe e Roero, tra cui la Condotta Slow Food di Bra, molto attenta ai principi del cibo buono, perché corrisponde ad una cultura; pulito, poiché non lascia una scia di sporco dietro di sé; giusto, ottenuto con un’equa distribuzione del valore di produzione. E che, confermando detto orientamento, promuove il Mercato della Terra nell’ottica del rispetto della stagionalità, dei cicli naturali degli alimenti e non della loro coltivazione e produzione intensiva. 

 

Silvia Gullino

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium