/ Cronaca

Cronaca | 24 gennaio 2019, 15:00

Ceva, diede un calcio alla collega: a processo per lesioni una donna in servizio presso la Forestale

L’episodio avvenne nell’ottobre 2015. La presunta vittima: “Aveva lasciato il bagno sporco”

La caserma della Forestale di Ceva

La caserma della Forestale di Ceva

I fatti si riferiscono all’8 ottobre 2015.

L’imputata e la presunta vittima erano in servizio presso la caserma di Ceva nel corpo della Forestale: “Eravamo entrambe addette alla vigilanza all’ingresso della caserma. Avevamo un rapporto normale pur con divergenze caratteriali.

Ma c’erano incomprensioni sulla pulizia della stanza e del bagno, che avevamo in comune”.

Le “incomprensioni” si sarebbero in seguito trasformate in qualcosa di più, tanto da portare a processo davanti al tribunale di Cuneo E.G. con l’accusa di lesioni personali.

“Era il penultimo giorno del mio servizio”, ha raccontato la donna, costituita parte civile e attualmente  carabiniere in un’altra provincia.

“Quando sono andata in bagno ho trovato del liquido rosa sparso dappertutto. Ho iniziato a pulire e nel frattempo è arrivata la G.. Le ho chiesto se voleva aiutarmi per lasciare i servizi in stato decoroso. Lei non mi ha risposto e se n’è andata nella nostra stanza.

Le ho ripetuto di aiutarmi. Con uno sguardo aggressivo mi ha spintonata e tirato un calcio, dicendomi ‘ ti faccio male, sei morta’. Ero terrorizzata, ho pensato ‘adesso mi spara’. Ho visto però che non era armata. Ho cercato aiuto al telefono ed è arrivato un collega”.

Dopo il fatto era stata avviata un’indagine disciplinare interna. “I rapporti fra le due sono sempre stati tesi”, ha riferito un carabiniere forestale. “Vidi la collega dopo l’aggressione. Aveva una gamba fasciata ed era spaventatissima”.

Anche il comandante ha raccontato delle difficoltà relazionali fra le due: “All’inizio essendo le uniche due donne svolgevano servizio insieme, ma non le potevo assegnare  camere separate, non siamo in un albergo”.

Altri testi saranno ascoltati nell’udienza fissata a maggio.

Monica Bruna

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium