/ Attualità

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | mercoledì 05 dicembre 2018, 14:35

Agroalimentare, Giorgio Bergesio: "I profili nutrizionali discriminano i prodotti italiani"

"Non possiamo consentire che motivazioni di tipo commerciale e industriale, arrivino ad imporre agli italiani una banalizzazione della dieta come mera somma di componenti chimiche"

Agroalimentare, Giorgio Bergesio: "I profili nutrizionali discriminano i prodotti italiani"

"No alla discriminazione dei nostri migliori prodotti, no all'adozione pedissequa dei cosiddetti profili nutrizionali, come vorrebbero l’Organizzazione Mondiale della Sanità e altre nazioni con in testa Brasile e Francia. Va ribadito con forza che i profili nutrizionali sono un metodo di classificazione dei cibi, che punisce quelli con maggiori quantità di grassi, sale e zuccheri, a prescindere dalla loro qualità generale ed al resto degli ingredienti che li compongono."

Lo dichiara il senatore Giorgio Maria Bergesio, capogruppo della Lega in Commissione Agricoltura, esprimendo voto favorevole all'ordine del giorno a difesa dell'agroalimentare italiano approvato stamani a Palazzo Madama.

"Non possiamo consentire che motivazioni di tipo commerciale e industriale, arrivino ad imporre agli italiani una banalizzazione della dieta come mera somma di componenti chimiche. A queste considerazioni concernenti la salute, vanno aggiunte quelle di ordine economico: il comparto alimentare in Italia, costituisce quasi un decimo del Pil e occupa più di tre milioni di persone in oltre 1,3 milioni di aziende. Un gran numero dei nostri prodotti d’esportazione verrebbe etichettato quindi come nocivo per la salute, causando non solo una sicura contrazione delle vendite delle nostre eccellenze all’estero, ma anche un gravissimo danno alla reputazione del made in Italy. Abbiamo quindi il dovere di opporci a questa risoluzione e lo facciamo votando convintamente la mozione della maggioranza, in difesa della nostra salute, delle le nostre tradizioni e della la nostra economia".

comunicato stampa

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore