/ Sanità

Sanità | 23 novembre 2018, 16:00

Dal Lions Club Cherasco oltre 14mila euro a "Il fiore della vita", che sostiene l'oncologia pediatrica dell'ospedale di Savigliano

Frutto del concerto "Rock per un sorriso" organizzato in collaborazione con Alba Chapter

La consegna dei proventi a "Il fiore della vita"

La consegna dei proventi a "Il fiore della vita"

Un assegno da 14.170 euro: è quello consegnato all'associazione "Il fiore della vita Onlus" di Savigliano giovedì 22 novembre 2018 dal Lions Club Cherasco.

E' il frutto del concerto benefico organizzato, in collaborazione con Alba Chapter, "Rock per un sorriso" che si è tenuto nella Città delle Paci lo scorso 14 settembre.

L'associazione Il fiore della vita è stata costituita nel 2011 a Savigliano per volontà di alcuni genitori di bambini con patologie complesse afferenti al reparto di pediatria dell'ospedale "SS. Annunziata".

Affiancata dall'equipe tecnico-scientifica che opera nel nosocomio, il sodalizio si occupa dell'assistenza e della presa in carico dei piccoli pazienti ricoverati e delle loro famiglie, in particolar modo dei piccoli affetti da patologie onco-ematologiche per le quali, come ha sottolineato il vicepresidente Stefano Quaglia, la Pediatria di Savigliano è unità satellite della rete onco-ematologica pediatrica piemontese per la provincia di Cuneo.

Quaglia ha voluto citare, nel ringraziare gli organizzatori del concerto benefico, una frase di San Tommaso: "Condividere un dolore è un po' alleggerirlo agli altri", aggiungendo: "Nella sofferenza impariamo a camminare all'indietro, da adulti si torna bambini, dal superfluo si capisce il necessario".

Luigi Besenzon è il primario della Pediatria saviglianese e da 37 anni si occupa di oncologia: "Le famiglie colpite da questa triste situazione diventano alleate del reparto, i grossi traumi uniscono le persone, sono famiglie straordinarie. I bambini e le famiglie che sono passate attraverso questa sofferenza me le ricordo tutte".

Il grazie del Lions Club Cherasco , dalle parole del presidente Ada Segre, è stato rivolto in primo luogo alla Onlus per l'importante mission che porta avanti ogni giorno, ma anche ai tanti che hanno partecipato al concerto, a chi ha dato il contributo nell'organizzarlo, al Comune che ha supportato l'iniziativa, all'Alba Chapter per la collaborazione.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium