/ Cronaca

Cronaca | 23 novembre 2018, 11:32

Si complica la vicenda del 28enne cuneese accoltellato a Magnago: tra le ipotesi anche quella che si sia ferito da solo

Il suo racconto non ha trovato riscontro e c'è poca chiarezza anche su luogo e ora dell'aggressione

Si complica la vicenda del 28enne cuneese accoltellato a Magnago: tra le ipotesi anche quella che si sia ferito da solo

Non ha trovato alcun riscontro, fino ad ora, il racconto del 28enne cuneese accoltellato all'addome a Magnago, nel Milanese.

Una delle ipotesi al vaglio degli inquirenti, i carabinieri, sarebbe quella di un gesto autoinferto, in quanto, al momento, non è stata trovata la donna che il giovane avrebbe soccorso perché ferma con l'auto in panne. Non ci sarebbero elementi che consentano di individuare l'aggressore come non ci sarebbe chiarezza sul luogo e sull'orario del fatto di cronaca.

Il giovane, che è stato portato in ospedale ma non è in pericolo di vita, si era presentato, nella serata tra il 21 e il 22 novembre, sanguinante a casa della ex fidanzata, una brasiliana residente proprio a Magnago. E' stata lei ad allertare i soccorsi e a chiamare i carabinieri. 

Ma il racconto del giovane non ha convinto gli inquirenti. Le indagini continuano.

Bsimonelli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium