/ Attualità

Attualità | 17 novembre 2018, 15:00

20 novembre: 29ª Giornata Internazionale dei Diritti dell’Infanzia

L’augurio di Bruna Sibille, sindaco di Bra: “Tutti i bambini meritano di essere felici”

Il sindaco di Bra Bruna Sibille

Il sindaco di Bra Bruna Sibille

Essere un bambino: giocare con gli amici, crescere in libertà ed essere rispettato.

E ancora: andare a scuola, ricevere cure, avere una famiglia ed una buona educazione. Ma anche essere protetto ed accudito, non essere abbandonato o maltrattato e non essere discriminato.

Questi i diritti di ogni fanciullo, in tutto il pianeta.

O meglio, questi dovrebbero essere. Martedì 20 novembre ricorre in tutto il mondo la Giornata Internazionale dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza. Una maniera di far comprendere l’importanza fondamentale della Convenzione Onu sui diritti dei più piccoli, nel suo 29° anniversario, che rappresenta il trattato sui diritti umani più ratificato nella storia.

Nonostante vi sia un generale consenso sull’importanza di queste norme, ancora oggi molti bambini e adolescenti sono vittime di violenze o abusi, discriminati, emarginati o vivono in condizioni di grave disagio.

In vista di questo appuntamento molto importante dedicato alle giovani generazioni, abbiamo raccolto l’augurio di Bruna Sibille, sindaco di Bra con un passato ed un cuore da insegnante. “Stare insieme ai bambini fa crescere anche noi grandi.

In questi anni abbiamo cercato di costruire una città delle bambine e dei bambini, ma ci sono ancora molte cose da fare.

Il futuro della società dipende dal modo in cui avremo saputo educare i più piccoli ai valori fondamentali della pace, della libertà, dell’uguaglianza e della solidarietà, con coerenza e con l’impegno quotidiano. Solo così si realizza la vera felicità. E tutti meritano la possibilità di essere felici”.

Silvia Gullino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium