/ Al Direttore

Che tempo fa

Cerca nel web

Al Direttore | venerdì 02 novembre 2018, 13:46

Le Province, un ente con una grande passato, pienamente legittimato ad avere un grande futuro

Una riflessione di Giorgio Groppo sulla lenta agonia della Provincia, per lui vero anello di congiunzione tra Comuni, Regione e Governo

Il palazzo della Provincia a Cuneo

Il palazzo della Provincia a Cuneo

Gentile Direttore,

nei giorni scorsi si è consumato il rito quasi deprimente delle elezioni per il rinnovo del presidente dell’Amministrazione Provinciale e del Suo Consiglio che forse merita una riflessione in proposito, ma per farlo, occorre ripercorrere un po’ la storia degli ultimi anni.

L’allora presidente Renzi, imbevuto anche lui di “sano populismo”, dichiarava di voler chiudere le Amministrazioni Provinciali, a suo dire “enti inutili” per cui con la riforma Delrio gli tolse soldi e potere, abolendo di fatto gli organi, l’elezione per collegi, motivando questo atto con la scusa più demagogica possibile, ossia l’eliminazione dei compensi che, per i consiglieri, ammontavano ad un importo del tutto irrisorio per il tempo che vi si dedicava.

Le Amministrazioni Provinciali non sono state chiuse in quanto ci si era poi accorti che il trasferimento del personale dalle Provincie alle Regioni sarebbe costato di più alle casse dello Stato, ed allora sono state abbandonate ad una lenta agonia.

Non voglio fare demagogia e quindi non voglio dire che lo sperpero e la corruzione - ove accertato – si è manifestato nelle Amministrazioni Regionali e non (o rarissimamente) nelle Amministrazioni Provinciali, ma credo di poter affermare con convinzione generalizzata, che l’unico Ente locale che era veramente vicino alla gente e anello di congiunzione tra i Comuni e la Regione ed il Governo, era proprio costituito dalle Province.

Per quanto riguarda il nostro territorio, con l’Amministrazione Provinciale si facevano le grandi battaglie in difesa e/o per lo sviluppo del territorio o le grandi rivendicazioni nei confronti del Governo, una su tutte quella per la Cuneo – Asti che aveva raggiunto un importante risultato in quanto si erano mobilitati tutti i Sindaci perché credevano nell’Istituzione, indipendentemente dal politico o dalla coalizione che lo amministrava.   

Oggi la nostalgia delle Province è sentita da parte di tutti e per non morire di nostalgia, conviene porvi rimedio, ed allora il Presidente riconfermato con il nuovo Consiglio per la gran parte rinnovato nelle persone, con tutti gli eletti in Regione ed al Parlamento, propongano un referendum tra i cittadini od una proposta legislativa, affinchè ci restituisca un ente con un grande passato ma che sarebbe pienamente legittimato ad avere un grande futuro.

Giorgio Groppo

Sommariva del Bosco 

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore