/ Eventi

Eventi | 22 ottobre 2018, 10:31

Bra, grande successo per la 12ª edizione della Sagra dei frutti d’autunno

Tanti visitatori per l’attesissimo appuntamento andato in scena dalla mattina fino alla sera di domenica 21 ottobre

Bra, grande successo per la 12ª edizione della Sagra dei frutti d’autunno

Una bella domenica di sole ha sancito un altro successo per la Sagra dei frutti d’autunno di Bra. Moltissime sono state le persone che hanno affollato via Vittorio Emanuele II e la zona Ospedale e che non sono volute mancare all’appuntamento giunto alla 12ª edizione.

La formula è ormai collaudata. Una formula di successo che ha affascinato i visitatori, accorsi anche dai paesi vicini.

Se da una parte le bancarelle hanno portato in trionfo i frutti della nostra terra, dall’altra gli hobbisti hanno esposto lavori di pregio e gli artisti di strada ci hanno messo del loro per rendere la sagra braidese davvero accattivante e interessante per grandi e piccini.

All’apertura straordinaria dei negozi, si sono uniti una rassegna di espositori creativi ed artistici; giochi ed animazioni a cura della scuola di Circo e Pompieropoli. Nel corso della manifestazione, ha trovato tempo di festeggiare i 35 anni di attività l’ottica Solferino di Davide Ingrassia, referente del tratto di via Vittorio Emanuele II in festa.

Dall’ombra della chiesa della Croce, dove è avvenuta la distribuzione di vin brulè offerto dagli Alpini, si è passati all’accogliente arena dell’Arte danza di Donatella Poggio, che ha presentato brillanti esibizioni di giovani promesse del balletto, oltre alla sfilata di moda in cui l’autunno ha preso forma e colore in altrettante ragazze, unite dalla sensibilità stilistica di Albina Polito. Poco più in alto, ha trovato spazio e rappresentazione la fantasia del pittore Giovanni Botta, che ha intrattenuto il pubblico con singolari e coinvolgenti virtuosismi con il pennello, un artista che riesce a stupire persino quando dipinge con i piedi.

Non è mancata la zona dedicata ai saggi con le esibizioni di Twirling, ed alla musica con il concerto della Periferia Band, che hanno trasformato il tratto iniziale di via Vittorio in un vero e proprio Ariston a cielo aperto. Le immancabili caldarroste, servite sul sagrato della Parrocchia di San Giovanni Battista, hanno completato il quadro di una giornata che ha stretto insieme usi e costumi, fra storia, cultura e gastronomia di un intero quartiere.

La Sagra dei frutti d’autunno è una festa che unisce e deve andare avanti – ha commentato il sindaco Bruna Sibille per questo l’Amministrazione comunale la ritiene particolarmente importante nel calendario degli eventi cittadini”.

C’è grande soddisfazione anche nelle parole di Luana De Carlo, che spiega così il segreto della perfetta riuscita dell’evento: “È una festa di cartello non solo per la zona e, considerato che ad Alba c’era la Fiera del Tartufo, la presenza di visitatori è stata un vero successo. Vedere tanti bambini entusiasti ci ha fatto grandissimo piacere. È stato fatto un grande lavoro, soprattutto con passione ed il grazie va sicuramente all’Amministrazione comunale, oltre a tutti gli organismi di volontariato, commercianti e privati che hanno reso possibile tutto questo”.

Appuntamento al prossimo anno!

Silvia Gullino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium